Si può migliorare la propria performance lavorativa? La risposta è Si!


 

Una corretta alimentazione sul luogo di lavoro rafforza la capacità delle persone a far fronte efficacemente allo stress sia lavorativo che extra lavorativo,contribuisce ad aumentare la motivazione lavorativa,la capacità lavorativa generale. E’ dimostrato da evidenze scientifiche  che c’è una stretta connessione tra cibo e performance lavorativa.

Sicuramente un altro valido alleato del benessere psico-fisico oltre all’alimentazione,è l’attività fisica. Studi recenti hanno dimostrato come l’esercizio fisico costante,influisca sulla diminuzione del cortisolo, uno degli ormoni dello stress, migliorando lo stato di benessere quotidiano.

La scienza dimostra che alcuni cibi influiscono positivamente sulla memoria, sulla concentrazione,sulla capacità di risposta allo stress e progressivamente sulla qualità della vita personale e lavorativa, quindi una corretta alimentazione per i lavoratori dovrebbe avere determinate caratteristiche. Le principali sono: considerare sia le proprietà energetiche e nutritive dei vari cibi, il tipo di lavoro svolto, l’ambiente, l’orario di lavoro, il tipo di alimentazione abituale,le attività extra-lavorative e se presenti patologie croniche.

In particolar modo le donne con i bambini che spesso svolgono più ruoli di gestione della famiglia e del lavoro fuori casa, hanno bisogno di meno stress e più concentrazione, quindi, una buona alimentazione è importante per ottimizzare le proprie prestazioni.

Dedichiamo attenzione ad alcuni consigli semplici ma molto efficaci

PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ANCHE AL LAVORO

  • Più attenzione alle porzioni: non troppo abbondanti e facilmente digeribili sia se si pranza al lavoro a mensa o al ristorante /bar 

  • L’alimentazione va frazionata in tre pasti principali e uno/due spuntini al giorno, ciò consente un più armonico rifornimento di energia ed un minore impegno digestivo
  • Fare sempre la prima colazione, il nostro cervello ha bisogno di glucosio per dare al massimo le proprie potenzialità(veniamo da un digiuno notturno) perciò è fondamentale che lo nutriamo.

  • Non saltare i pasti e non far passare troppo tempo tra l’uno e l’altro, magari distrarsi uscendo dall’ufficio e fare degli spuntini a metà mattina e pomeriggio(frutta ,centrifugati di verdure/frutta di stagione,frutta secca e a guscio…..)

  • Scegliere carboidrati meglio se integrali (pane,pasta,riso, kamut, farro) o legumi ottime fonti di proteine, contengono molta fibra alimentare che regola i livelli di colesterolo e zucchero nel sangue

  • Prediligere il pesce alla carne per l’alta fonte sia di proteine ad alto valore biologico che alla presenza di ac. grassi omega 3

  • Preferire carni bianche (coniglio,petto di pollo,,di tacchino etc…) limitare carni trasformate, formaggi e uova da consumare 1-2 volte la settimana

  • Frutta e verdure di stagione di vario colore per il loro apporto di vitamine.. sopratutto Vit .A ,C,E, essenziali per per la difesa dello stress ossidativo causato da radicali liberi,per il loro contenuto di fibre e acido folico

  • Più varietà combinando gli alimenti: utile preparare dei piatti unici,una fonte di cereali integrali e una fonte di proteine animali o vegetali

  • Condire le insalate e le verdure con,limone o agrumi, in modo da assimilare meglio il ferro una sua carenza, potrebbe alterare la disponibilità di ossigeno al cervello e quindi diminuire la concentrazione

  • Usare sempre olio extravergine di oliva evitare o limitare burro e maionese

  • Sale,dolci,bibite e alcolici sono alimenti di cui è necessario limitare al massimo il consumo, inoltre per alcune categorie di lavoratori l’assunzione di alcolici è vietata.

  • Cotture al cartoccio ,ai ferri, in umido, bolliti , limitare fritture

  • Assicurare un adeguato apporto idrico.

Queste peculiarità sono tutte racchiuse nella nostra dieta mediterranea

BUON LAVORO A TUTTI….!!!!!!!!

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *